21 maggio 2011, inizia la fine del mondo

Proprio domani, sabato 21 maggio 2011, scatta l’ora X, il primo giorno del giudizio universale!

Chi avrà la sfortuna di essere ancora in vita allo scoccare della mezzanotte di domani, non sarà annoverato tra le file degli eletti!

 

21 Maggio 2011,fine del mondo,judgement day

Judgement Day!

Secondo il movimento capeggiato da Harold Camping quella data celebrerà il 7000° anniversario del diluvio universale e segnerà il giorno dell’ascesa in paradiso per tutti gli eletti.
Sempre secondo Camping, circa 200 milioni di persone saranno chiamate in paradiso, circa il 3% della popolazione mondiale.

Quindi domani sarà solo il giorno dell’ascesa, per chi resterà in vita dopodomani, comincera il vero calvario che per fortuna si concluderà tra soli 6 mesi con la vera  fine del mondo: il 21 ottobre 2011 quando la Terra sarà totalmente distrutta tramite il fuoco.

apocalisse

Harold Camping, arzillo novantenne, e una delle figura più influente del New Age filo-Cristiano degli Stati Uniti, fondatore della radio  “Family Radio” con sede in California. Egli afferma aver scoperto un sistema matematico in grado di interpretare le profezie racchiuso all’interno del libro più comprato ( non il più letto, il più comprato ) del mondo: La Bibbia!!  Secondo lui un calendario sarebbe stato nascosto nei testi biblici, un codice segreto dimenticato da millenni e riscoperto da lui, che descrive chiaramente l’imminente fine del mondo.

Harold Camping ritiene il suo metodo di decriptazione talmente affidabile da tranquillamente dichiarare: “Se mi vedrete ancora vivo tra voi, dopo il 21 maggio 2011, allora.. non sarei stato scelto”.

Detto da un novantenne..
Viene da ridere..

Intanto il suo movimento è in grande subbuglio per le festività in programma, tutti i suoi seguaci sperano di essere selezionati, quindi di ascendere in paradiso entro la mezza notte di domani.

 

VIDEO CNN

 

21 maggio 2011, inizia la fine del mondoultima modifica: 2011-07-06T16:57:05+00:00da nibiru-2012
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento