Siria: si teme l’uso di armi chimiche

Guerra civile in Siria, i ribelli siriani dispongono di armi di distruzione di massa

Armi chimiche

Questa mattina, domenica 10 giugno, un agenzia di stampa iraniana ha diramato un rapporto in cui vengono accusati i ribelli siriani di essersi dotati di armi chimiche provenienti dalla Libia e di essersi addestrati ad usarle.

Il rapporto fa crescere l’allarme nelle capitali occidentali e in Israele, alimentando la paura che Iran e Siria stiano preparando il terreno per schiacciare finalmente i loro nemici.

L’agenzia iraniana afferma invece che: “Qualsiasi rapporto venga pubblicato sul presunto utilizzo di armi chimiche da parte dell’esercito siriano sta a significare che i terroristi hanno usato queste armi contro il popolo per poi accusare l’esercito del governo siriano di quel crimine.”

Infatti, tre giorni prima, il 7 giugno, fonti ribelli avevano accusato l’aeronautica militare siriana di aver sparso sostanze velenose a Deraa, Hama e Idlib su popolazioni inermi. Accuse che in seguito si sono rivelate infondate.

Fonti militari occidentali che controllano alcune aree siriane sostengono che se entrambe le parti in conflitto stanno parlando apertamente di guerra chimica, è un segnale che si stanno seriamente preparando a questa escalation mortale.

Se davvero arriveranno a questi estremi, dicono fonti di Washington, europee, di Riyad e Gerusalemme, il presidente americano Barack Obama non potrà mantenere il suo rifiuto a mettere in atto interventi militari in Siria e che dovrà prendere misure forti per fermare l’escalation di violenza.

In tal caso, gli Stati Uniti sarebbero quasi certamente affiancati dall’Arabia Saudita, il Qatar ed eventualmente altri paesi arabi.

I portavoce ufficiali in Occidente di Mosca e Nazioni Unite avvertono che la Siria è sull’orlo di una guerra civile. Sabato sera, il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov ha sottolineato la linea dura di Mosca sulla Siria: “Mosca potrebbe sostenere la partenza del presidente Bashar al-Assad, ma solo se i siriani sono d’accordo”, ha sottolineato. Ha escluso l’uso della forza straniera e quella di ulteriori sanzioni contro il regime di Bashar al-Assad e ha proposto un’altra conferenza internazionale.

E’ ormai chiaro che la tragedia siriana sta diventando sempre più ingestibile.

Leggi l’articolo completo in inglese: http://debka.com/article/22071/Chemical-warfare-feared-raising-its-head-in-the-Syrian-civil-war-

Siria: si teme l’uso di armi chimicheultima modifica: 2012-06-10T13:57:00+00:00da nibiru-2012
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento