Fukushima: Rischio di rilascio di 130 tonnellate di uranio nell’ambiente

Fukushima-tecnici1.jpg

Le barre di combustibile nucleare a cielo aperto nelle vasche asciutte e screpolate presto potrebbero rilasciare 130 tonnellate di uranio nell’ambiente

Mentre la maggior parte dei media sembrano ignorare il crollo nucleare imminente di Fukushima , la Nuclear Regulatory Commission (NRC) ha recentemente pubblicato un nuovo spaventoso rapporto a proposito delle barre di combustibile esaurite e ormai all’asciutto del reattore n°4 della centrale.

Secondo il NRC, in seguito al terremoto, si sarebbero formate delle crepe nelle vasche e questo impedirebbe qualsiasi tentativo di colmarle, e poiché le vasche non dispongono delle stesse sofisticate attrezzatura di contenimento dei veri reattori, un incendi o una esplosioni potrebbe  rilasciare nell’ambiente le 130 tonnellate di uranio che contengono.

Mercoledì scorso, l’NRC ha precisato  che l’unità n°4 sta funzionando completamente all’asciutto.
E senza acqua nelle vasche, non esiste nessun modo per raffreddare le migliaia di barre di combustibile esaurito per impedire a queste di prendere fuoco e esplodere, e di conseguenza rilasciare tonnellate di uranio tossico direttamente in atmosfera.

Una nuova allarmante notizia è stata comunicata oggi dalla TEPCO: Una colonna di fumo nero si sta alzando dall’unità n°3 della centrale, tutti i tecnici che erano al lavoro sono stati immediatamente evacuati.

Approfitto di questo post per ringraziare gli Uomini coraggiosi che rischiano la loro vita, giorno per giorno, tutti mobilitati nel tentativo di evitare un disastro ben più grave di qualsiasi catastrofe nucleare accaduta nel passato.

Fukushima: Rischio di rilascio di 130 tonnellate di uranio nell’ambienteultima modifica: 2011-07-06T14:41:27+02:00da nibiru-2012
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento